A volte introvabili, incredibilmente buoni, i Presidi Slow Food rappresentano ”il buono, pulito e giusto” della nostra agricoltura e sono senza dubbio un’occasione per palato e mente, soprattutto se raccontati da chi li ha creati e da chi li produce. In Italia sono circa 200 e coinvolgono oltre 1600 tra contadini, pescatori, norcini, casari, fornai. Eataly, a Roma, a partire da domani 5 settembre ospitera’ per 17 settimane alcuni tra i protagonisti della produzione migliore d’Italia che, attraverso il racconto e l’assaggio offriranno a tutti coloro che parteciperanno agli incontri una piacevolissima occasione per conoscere la cultura, la tradizione, la memoria di alcuni dei migliori presidi d’Italia.

l’articolo completo su ANSA.it

Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • Twitter